30/12/2017
Verona
Verona
1 - 3
Juventus
Juventus
Stadio Bentegodi

Per l’ultima del 2017 la Juve è ospite a Verona per il posticipo della 19esima giornata. Lassù nessun passo falso e per Allegri l’imperativo è vincere per restare incollato al Napoli. Il tecnico toscano sceglie di schierare Dybala dal primo minuto dopo tre panchine consecutive, le chiavi del centrocampo in mano a Bentancur, al posto dell’infortunato Pjanic supportato da Kedira e Matuidi. Proprio il francese la sblocca subito, Dybala serve Higuain che calcia di potenza ma la palla colpisce il palo finendo fra i piedi di Matuidì che nonostante una conclusione sporca beffa Nicolas sul secondo palo.
Chi pensa che la partita sia la solita passeggiata si sbaglia di grosso perchè la Juve a vantaggio acquisito si ammorbidisce e rischia spesso e volentieri in ripartenza. Allegri prova a scuotere i suoi ma non ci riesce, così lascia negli spogliatoi Betancur, reo di aver perso palloni sanguinosi, per Bernardeschi passando di fatto ad un 4-2-3-1. I Veneti però sembrano averne di più e scendono in campo molto determinati nella ripresa, cercando di bloccare tutte le fonti di gioco bianconere. Pressing alto e asfissiante che da i suoi frutti quando Matuidi rilancia male, sul pallone si avventa Caceres che firma l’1-1. La botta si fa sentire e come ma dopo solo 10 minuti sale in cattedra Dybala che nell’arco di sei minuti firma una doppietta che chiude la partita. Il primo goal è di rapina pura, la Joya si avventa su un cross sporco di Lichtsteiner a centro area e insacca col piede meno nobile, il secondo è un capolavoro per preparazione ed esecuzione, l’argentino salta quattro difensori prima di esplodere un sinistro imparabile. I bianconeri tornano a casa coi tre punti e la consapevolezza di aver ritrovato il suo numero 10.