15/04/2017
serie A
Pescara
Pescara
0 - 2
Juventus
Juventus
Stadio Adriatico
  
   
90
   
MINUTI GIOCATI
  
  
69 93%
  
PASSAGGI FATTI
  
   
5 1
   
DUELLI VINTI - PERSI
  
  
   
2 1
   
FALLI FATTI - SUBITI
  
  
GOAL 0
  
TIRI / NELLO SPECCHIO 0/1
  
CROSS 0
  
ASSIST 0
  
CARTELLINI 0

Reduci dall’impresa di Coppa i bianconeri affrontano in trasferta il Pescara con un ampio turnover in previsione della gara di ritorno contro il Barcellona.
Allegri si affida a Neto in porta con Lichtsteiner, Barzagli, Rugani, Asamoah, Pjanic, Marchisio, Cuadrado, Dybala, Mandzukic, Higuain.
Fascia di capitano affidata al principino che festeggia nel miglior modo possibile le 250 presenze in serie A con la Juve!
Pronti via, e dopo nemmeno venti secondi il Pescara va al tiro con Brugman dopo uno scambio veloce con Coulibaly, botta centrale che Neto neutralizza in due tempi.
Solo un fuoco di paglia perchè la Juve inizia ad ingranare e gestire, Pescara falloso e giallo a Muntari dopo nemmeno un quarto d’ora.
La squadra di Allegri è meno aggressiva di quella vista in coppa tre giorni prima ed il Pescara è spavaldo al punto giusto per sperare il colpaccio.
Ma al 21esimo arriva la zampata del Pipita, Cuadrado accelera sulla fascia e fa partire un diagonale che impegna Fiorillo, nemmeno il tempo per il replay che il colombiano fa un altro scatto bruciante fino al fondo e mette in mezzo un pallone che Higuain deve solo spingere in rete.
La Juve sfrutta il momento positivo e dopo solo un minuto prova a chiuderla con Lichtsteiner che pennella un cross perfetto per Higuain che però di testa non punge.
Alla mezz’ora è il gigante croato a divorarsi il raddoppio: scucchiaiata di Cuadrado che trova Mandzukic che incredibilmente svirgola in completa solitudine davanti a Fiorillo. Mandzukic si rifà in chiusura di tempo con una gran giocata, ben servito da Pjanic, si inventa un assist di testa per Higuain che in scivolata firma il 2-0.
Si va al riposo così, Juve avanti di due goal e Pescara troppo poco incisivo per pensare di impensierire questa Juve.
Il secondo tempo è poco più di un allenamento con la Juve che gestisce il risultato ed un Pescara stanco e timido.
Unico sussulto un’entrataccia di Muntari su Dybala che avrebbe meritato il secondo giallo. Brutto colpo alla caviglia per la Joya che dovrebbe comunque recuperare in vista dell’impegno di Champions in casa del Barcellona.
Il pareggio della Roma mette fine anche alle ultime speranze residue dei capitolini che potrebbero veder assegnato il titolo alla Juve proprio in casa loro.
Ora testa al Camp Nou per il ritorno che già si preannuncia epico!