22/11/2014
serie A
Lazio
Lazio
0 - 3
Juventus
Juventus
Stadio Olimpico

Un sontuoso Pogba guida la Juve ad un netta vittoria sulla Lazio

Al rientro dopo la pausa dovuta agli impegni delle Nazionali una Juventus in emergenza è ospitata dalla Lazio all’Olimpico, dove riesce a cogliere un’importantissima vittoria in virtù di come essa è arrivata: prestazione da incorniciare, un cinismo sotto porta che può far contento Allegri ed una condizione fisica da invidiare.
Nella linea a 4 dei difensori viene schierato Padoin come terzino sinistro visto le assenze di Asamoah ed Evra; nei tre di centrocampo l’illuminante regia di Pirlo è affiancata dalla tenacia e classe di Marchisio e Pogba, mentre Pereyra e Tevez agiscono alle spalle di Llorente a formare un 4-3-2-1 che a tratti oscilla per diventare un 4-3-3, data la duttilità dei due trequartisti.
L’azione che sblocca il match è un contropiede da manuale, nel corso del quale Tevez, sulla fascia sinistra, serve con un lancio preciso Pogba, il quale controlla divinamente e a tu per tu col portiere non può esimersi dal segnare il goal del vantaggio bianconero. A questo punto inizia lo show del polpo, che delizia la platea con giocate sopraffine e che durante il primo tempo colpirà anche un clamoroso incrocio dei pali con un tiro a giro “alla Del Piero”. La corsa di Pereyra mette in costante apprensione la retroguardia di casa, mentre Tevez è sempre pronto a colpire, come nel caso della rete del 2-0; pochi minuti dopo l’intervallo, infatti, l’Apache è bravissimo a raddoppiare e a mettere in ghiaccio la vittoria sfruttando a dovere un bell’assist di Marchisio, siglando il 9° goal in questa sua finora straordinaria stagione. La Lazio, dal canto suo, nulla può contro l’onnipotenza bianconera, e solo dei tentativi da lontano dell’ex Candreva portano qualche piccola apprensione dalle parti di Buffon, sempre attento nelle poche situazioni in cui è chiamato in causa. Prima della fine del match c’è tempo per la doppietta di Pogba, servito da Pereyra, che non si fa ipnotizzare dal portiere e sigla il goal del 3-0. A 20’ minuti dalla fine arriverà l’ininfluente espulsione per Padoin, che comunque non pregiudica il risultato e nemmeno la sua buona prestazione in un ruolo non suo.
Dopo i 7 goal rifilati al Parma arriva una prestazione forse ancora più convincente per la Juve, dal momento che la Lazio fin qui aveva dimostrato nelle partite casalinghe ottimo spirito ed una spiccata propensione al goal; l’ermetica difesa juventina ha lasciato a bocca asciutta gli attaccanti biancocelesti, permettendo alla squadra di cogliere la vittoria che ricaccia la Roma sul -3, dopo che i giallorossi erano usciti vincitori dal campo di Bergamo nell’anticipo delle 18. Per la banda di Allegri, dopo questa prestazione, la trasferta di Malmo, in programma mercoledì, fa un po’ meno paura. Non per questo, però, la Juventus dovrà sottovalutare l’impegno che, ricordiamo, rimane di primaria importanza per il passaggio del turno di Champions League.