13/09/2014
serie A
Juventus
Juventus
2 - 0
Udinese
Udinese
Juventus Stadium

Tevez e Marchisio! Buona la prima allo Stadium

Allegri si presenta al pubblico di casa con il 3-5-2 di Contiana memoria. In difesa scelti Caceres e Ogbonna al posto di Barzagli, presente comunque in panchina, e Chiellini infortunato dal ritiro con la Nazionale. A centrocampo Marchisio al posto di Pirlo con Pereyra e Pogba da incursori davanti Tevez e Llorente a sfruttare la spinta di Evra e Lichtsteiner.
Subito aggressiva la Juventus che apre le danze grazie a Carlos Tevez dopo 8 minuti. Splendida azione costruita sulla destra da Pereyra e Lichtsteiner, che crossa e trova il rimorchio dell’Apache lucido nel freddare Karnezis con un destro in corsa rasoterra.
L’Udinese, che aveva impostato la partita sulle ripartenze, subisce il colpo ed è costretta a fare la partita ma è sempre la Juve ad essere pericolosa. Al minuto 28 Llorente lavora un pallone per Pereyra che, a botta sicura, calcia alle stelle e solo quattro minuti dopo lo spagnolo regala un prezioso assist a Tevez che calcia alto. Sul finale di tempo è Pogba a salire in cattedra, al 39′ manca di cattiveria e calcia debolmente ed al 43′ il francese, dopo uno scambio con Tevez, ha un’altra chance ma tira ancora centrale. Stramaccioni prova a rimodellare la sua Udinese che risulta molto più propositiva ad inizio ripresa anche perchè la Juve tiene palla senza affondare mai il colpo. 20 minuti di sostanziale calma finchè Llorente rischia la frittata e sfiora l’autorete; dal corner che ne segue Bubnijc segna ma l’arbitro annulla per fuorigioco.
La Juve si risveglia dal torpore e ricomincia a macinare gioco che la porterà al raddoppio col Principino. Al 75′ Tevez serve Marchisio al limite dell’area, il destro del centrocampista sul primo palo è violento e preciso. Partita chiusa. C’è spazio anche per il giovane Coman che prende il posto di un Tevez applauditissimo. Finisce così la partita, senza altre emozioni ma con testa e gambe alla Champions.