11/03/2018
Juventus
Juventus
2 - 0
Udinese
Udinese
Allianz Stadium
  
   
90
   
MINUTI GIOCATI
  
  
77 92%
  
PASSAGGI FATTI
  
   
1 2
   
DUELLI VINTI - PERSI
  
  
   
0 0
   
FALLI FATTI - SUBITI
  
  
GOAL 0
  
TIRI - NELLO SPECCHIO 0 - 0
  
CROSS 0
  
ASSIST 0
  
CARTELLINI 0

Non c’è tempo per riposarsi! All’Allianz Arena i bianconeri tornano in campo a pochi giorni dall’impresa di Wembley e affrontano l’Udinese di Oddo.
Allegri per l’occasione fa un leggero turnover schierando tra i pali Szczesny, una difesa a quattro con Asamoah e De Sciglio sui lati e Chiellini e Rugani al centro, Marchisio in mediana insieme a Sturaro e Khedira mentre in avanti il trio delle meraviglie Dybala, Douglas Costa e Higuain avrà il compito di sfondare le linee nemiche.
Oddo risponde con un 3-5-2 con Bizzarri in porta, Nuytinck, Angella e Samir in difesa, Adnan e Widmer tornanti mentre Behrami, Fofana e Barak hanno il compito di servire Jankto e la punta centrale Maxi Lopez.
Dopo il minuto di silenzio in memoria del compianto Astori, tragicamente scomparso la settimana scorsa proprio a Udine, la contesa ha inizio in maniera propositiva per l’Udinese con Jankto che sfugge a Chiellini facendosi atterrare e guadagnando un cartellino giallo ai danni del toscano e, poi, con Adnan che si rende pericoloso con una punizione di sinistro che trova pronto Szczesny ad appoggiarla in angolo.
Altra conclusione al decimo di Fofana da fuori area, in un primo quarto di tempo tutto di marca friulana. La Juve però inizia a non avvertire più le fatiche di Champions e al 20′ Dybala la porta in vantaggio con una punizione vellutata all’incrocio dei pali con un incolpevole Bizzarri impotente. La Joya dedica il suo gol ad Astori rivolgendo un saluto al cielo.
Dopo aver causato la precedente punizione Angella commette un fallo in area ai danni di Dybala al 36′ ma Higuain si fa ipnotizzare da Bizzarri che devia in angolo il tiro del Pipita.
La Juve chiude un buon primo tempo con un colpo di testa di Chiellini di poco a lato.
Poco dopo l’inizio del secondo tempo la Juve chiude la partita col secondo gol di Dybala, servito al bacio da Higuain in mezzo all’area con la Joya che deve soltanto metterla dentro in posizione favorevolissima.
A questo punto l’Udinese si arrende, non riuscendo più a rendersi pericolosa ma, anzi, rischiando di subire il terzo gol di Dybala che si vede la conclusione deviata da Bizzarri.
La marcia trionfale della Juventus dunque continua, con l’undicesima vittoria consecutiva che di fatto porta la Juve in cima alla classifica pur con una partita in meno.