29/11/2016
serie A
Juventus
Juventus
3 - 0
Pescara
Pescara
Juventus Stadium

Riprende il Campionato dopo la pausa per il doppio match della Nazionale. Lo Stadium ospita il Pescara e Allegri propone una formazione solida, attuando un accorto turnover in vista degli impegni di Coppa.
Ritorno alla difesa a tre con Lichtsteiner sulla fascia a scalare in caso di necessità: Bonucci è affiancato da Evra e Rugani, reduce da un’ottima prestazione con la Nazionale.
Hernanes piazzato davanti alla difesa, Khedira ed Asamoah schierati come mezzali.
I bianconeri si impongono subito dominio a centrocampo, il netto predominio sul possesso palla non produce però azioni pericolose fino al 13′ quando Higuain dall’interno dell’area ha una grossa occasione vanificata in corner.
Al 16′ Mandzukic non sfrutta una pasticcio della difesa abruzzese, un minuto dopo ancora ancora occasione per Higuain che di testa mette fuori di poco.
Il Pescara si chiude, Hernanes prova così a sbloccare il risultato dalla distanza al 21′ ma la palla esce di poco.
Al 24′ occasione per Caprari che si libera dalla marcatura di Rugani ma conclude in maniera imprecisa.
Un minuto dopo Lichtsteiner costretto ad uscire per problemi fisici: entra Cuadrado.
Il Pescara è bravo a coprire e i bianconeri sembrano non trovare soluzione per passare in vantaggio quando Khedira al 36′ capitalizza al meglio un batti e ribatti piazzando nell’angolino una palla dove Bizzarri non può arrivare.
Memushaj ci prova con una botta da fuori al 42′ ma Neto respinge in due tempi.
Si conclude così il primo tempo con la Juventus in vantaggio. La ripresa si apre con un forcing bianconero costante per chiudere la partita quanto prima ed evitare eventuali beffe.
Higuain al 53′ si avventa su un disimpegno del Pescara, ruba palla e lascia partire un destro a diro indirizzato all’incrocio, solo il palo salva la capitolazione degli abruzzesi.
Hernanes ci prova ancora da fuori, il profeta vuole mettere il sigillo personale nel tabellino dell’incontro, ma la palla finisce alta.
Al 63′ Mandzukic si avventa su un colpo di testa indirizzato in porta da Khedira e spiazza Bizzarri.
Il Pescara si lamenta per un presunto fuorigioco ma le immagini confermano la regolarità della rete.
Simone Pepe entra per Pettinari e lo Stadium applaude l’ex, protagonista amatissimo di diversi anni in bianconero.
Il Profeta al 69′ tenta per la terza volta la conclusione da fuori e questa volta riesce ad infilare il portiere del Pescara con un potente diagonale.
Allegri concede al 71′ anche la stending ovation per Khedira, Sturaro al posto del tedesco.
La partita ha ormai poco da dire, il Pescara cerca di evitare la goleada; l’attenzione del pubblico si sposta così sulla panchina bianconera dove il giovane Moise Kean si sta scaldando.
Al 84′ il sedicenne subentra a Mandzukic ed entra nella storia del Campionato italiano per essere il primo giocatore impiegato ad essere nato nel 2000.
La partita si conclude con i tre punti, la Juventus conferma il suo primato in classifica in attesa di vedere come risponderanno le inseguitrici.
Poco tempo di festeggiare per i bianconeri, in settimana la delicata sfida col Siviglia richiede determinazione e concentrazione.