22/01/2017
serie A
Juventus
Juventus
2 - 0
Lazio
Lazio
Juventus Stadium

Cambio di modulo per i bianconeri nel delicato anticipo domenicale con la Lazio di Inzaghi: Allegri propone sulla carta una 4-2-3-1 estremamente offensivo. Dietro Higuain il mister schiera Cuadrado, Dybala e Mandzukic, Pjanic affianca Khedira in interdizione, difesa a quattro con Chiellini e Bonucci centrali, Asamoah e Lichsteiner sulle fasce.
Al 5′ Lichsteiner apre per Mandzukic che scarica su Dybala: il fuoriclasse argentino con un sinistro a incrociare prende in controtempo Marchetti. Juventus in vantaggio!
Biancocelesti frastornati, ottima prova dell’inedita trequarti bianconera che pressa alto cercando il colpo del ko che arriva al 17′: Cuadrado crossa dalla destra, Higuian si avventa sulla palla anticipando i centrali e batte ancora Marchetti!
Forte del doppio vantaggio, la Juventus abbassa il baricentro e al 25′ Milinkovic-Savic prova la conclusione da fuori senza impensierire troppo Buffon.
Al 30′ Dybala su puniione serve Higuin che segna di testa ma l’arbitro annulla per netto fuorigioco.
La Lazio ci prova a mantenere viva la partita procurandosi un paio di calci di punizione corner sul finire del primo tempo ma i bianconeri sono attenti anche in fase difensiva: strepitoso Mandzukic sempre attento nello scalare sulla linea dei mediani.
Il primo tempo termina quindi sul 2-0, la Juventus torna in campo con gli stessi giocatori.
La Lazio sembra essere più propositiva nell’atteggiamento, ci provano Felipe Anderson da fuori e Milinkovic-Savic su cross di Immobile.
Al 53′ Dybala a botta sicura piazza un sinistro a giro: la palla che poteva chiudere la partita termina di poco a lato.
Al 58′ ancora la Lazio con Biglia da fuori, nulla da fare. Inzaghi allora effettua un doppio cambio, dentro Lukaku e Djodjevic.
Altra palla d’oro sul piede di Dybala al 61′ su assist filtrante di Higuain: la Joya spreca il capolavoro del Pipita.
La Juventus riprende in mano il match e cerca in tutti i modi di chiudere la pratica. La Lazio si chiude con ordine e i bianconeri controllano senza infierire con un prolungato possesso palla.
Allegri richiama in panchina Lichsteiner e schiera Barzagli che andrà a ricoprire la zona di competenza dello svizzero, il modulo cambia invece al 82′ con l’uscita di Dybala per Rincon: il sudamericano si schiera sulla mediana. Sullo scadere entra anche Pjaca per Higuain, acclamato dall’intero pubblico dello Juventus Stadium.
Lo stesso croato ha una buona palla per segnare ma sciupa per mancanza di freddezza. I numeri del giocatore non si discutono, forse sente troppa pressione per lo scarso minutaggio.
La partita si conclude dunque sullo 2-0, la gara è stata gestita con autorità e determinazione, il nuovo modulo adottato ha prodotto gioco e risultati.
In panchina si è inoltre rivisto Dani Alves, pedina fondamentale per la fascia destra.
Settimana di novità e festa in casa bianconera: introdotto il nuovo logo societario e compleanno per Claudio Marchisio. Auguri campione!