23/09/2015
serie A
Juventus
Juventus
1 - 1
Frosinone
Frosinone
Juventus Stadium

La beffa arriva a tempo scaduto. Pari allo stadium

Per il turno infrasettimanale la Juve affronta la neopromossa Frosinone fra le mura di casa. Allegri, in vista anche della trasferta di Napoli, schiera una squadra inedita con Neto tra i pali, Lichtsteiner, Barzagli, Bonucci, Alex Sandro nel pacchetto difensivo, Sturaro, Lemina, Pogba, Cuadrado a centrocampo con Pereyra ad agire alle spalle di Zaza. Juve da subito aggressiva, ci vogliono solo 5 minuti e Cuadrado conclude alto sopra la traversa con destro da circa 20 metri, due minuti dopo è Zaza che ci prova ma viene murato dalla difesa ospite. Il Frosinone non sembra per nulla intimorito, prova ad attaccare e si richiude a riccio durante gli attacchi bianconeri che però accumulano solo calci d’angolo. Cuadrado e Zaza sembrano i più ispirati, intorno al 20′ il colombiano sfiora il gol con un bel tiro da fuori area che fa la barba al palo e poco dopo prova il gol capolavoro Zaza in rovesciata nell’area piccola ma la conclusione termina fuori. La Juve insiste ma non sfonda, ultimo brivido della frazione al 40’ quando Pogba, su cross di Pereyra, svetta e di testa colpisce il montante interno della traversa. Per il secondo tempo Allegri ridisegna la Juve col 3-4-1-2: dentro Chiellini e Dybala, fuori Lichtsteiner e Sturaro. Passano solo 4 minuti e Zaza colpisce di testa ma la conclusione viene deviata da un difensore e respinta dalla traversa, finisce nei piedi di Pereyra che però non trova la deviazione sottomisura. È il preludio all rete che arriva un solo minuto dopo. Zaza, imbeccato da Cuadrado, calcia col destro dal limite dell’area, la palla colpisce Blanchard e la nuova traiettoria beffa un incolpevole Leali.
Il Frosinone si spinge in avanti alla ricerca del pari ma Ciofani prima e Chibsah poi sbattono sul muro bianconero. La Juve cerca di chiuderla e sfiora ripetutamente la rete che però non arriva. Una pressione costante ma sterile costringe il Frosinone a chiudersi ancora di più, al punto che Allegri getta nella mischia Hernanes per sfruttare il tiro da fuori. Il profeta ci prova ma non è fortunato, Leali respinge in due occasioni, sulla seconda la palla finisce sui piedi di Pereyra che non inquadra lo specchio. Il Frosinone fa fatica ad uscire dalla propria area e nemmeno l’ingresso di Rosi riesce a scuotere i ciociari che però, inaspettatamente, trovano il pari con Blanchard che a tempo scaduto infila Neto con un colpo di testa su corner. Brutto stop per la Juve che allo Stadium aveva un ruolino di marcia invidiabile. Ora testa a Napoli per affrontare una delle squadre più in palla del momento.