26/11/2017
Juventus
Juventus
3 - 0
Crotone
Crotone
Allianz Stadium
  
   
77
   
MINUTI GIOCATI
  
  
80 91%
  
PASSAGGI FATTI
  
   
1 0
   
DUELLI VINTI - PERSI
  
  
   
1 2
   
FALLI FATTI - SUBITI
  
  
GOAL 0
  
TIRI - NELLO SPECCHIO 2 - 1
  
CROSS 0
  
ASSIST 0
  
CARTELLINI 0

Allo Stadium i campioni d’Italia ospitano il Crotone, le premesse per fare bene ci sono tutte e per la prima volta Allegri da fiducia ad Howedes a completare con Barzagli e Benatia la difesa, a centrocampo si rivede Marchisio a far coppia con Matuidi e in avanti la novità di giornata: Mandzukic al posto di Higuain infortunato a una mano. La partita sulla carta innocua è invece insidiosa perchè precede il big match del San Paolo e soprattutto perchè la Juve fa sempre molta fatica a scardinare le difese arroccate.
Non è un caso che gli uomini di Allegri la sblocchino solo nel secondo tempo, dopo 45 minuti di puro dominio con gli 11 bianconeri stabilmente nella trequarti avversaria. I difensori bianconeri impostano da centrocampo e si inseriscono con continuità creando scompiglio nelle maglie della difesa calabrese, il tema tattico del Crotone è palla lunga per i due lunghi Budimir e Tonev. Proprio una combinazione Barzagli Mandzukic in apertura di secondo tempo porta i bianconeri in vantaggio: Lichtsteiner si accentra lasciando spazio al difensore che si sovrappone e pennella un cross al bacio che il croato insacca con un movimento contrario sul secondo palo. Con il vantaggio acquisito il Crotone si scioglie, dagli sviluppi di un calcio d’angolo è De Sciglio a segnare il suo primo gol in serie A e la rete non è affatto banale, un destro preciso e potente su respinta della difesa ospite. Il terzino è sommerso dall’affetto dei compagni e finalmente dagli applausi del suo pubblico che lo aveva accolto con scetticismo.
C’è anche spazio per il tre a zero firmato Benatia ancora sugli sviluppi di un angolo, il marocchino raccoglie la respinta corta di Cordaz e può segnare a porta vuota. Ora testa e cuore al San Paolo dove ad attendere i campioni d’Italia c’è un Napoli ancora imbattuto.