25/01/2015
serie A
Juventus
Juventus
2 - 0
Chievo
Chievo
Juventus Stadium

Il Chievo si arrende. Juve a +7

Allo Stadium i bianconeri impiegano più di un tempo per scardinare la ragnatela clivense, complice la buona organizzazione del Chievo ed un pizzico di sfortuna.
Il primo tempo si apre con la solita Juve martellante. Nel giro di pochi minuti si contano almeno tre occasioni nitide da gol con Vidal, Pereyra e Chiellini. L’assenza di Pirlo si fa sentire e le folate bianconere vanno spesso a sbattere sul muro eretto da Maran che ha messo in campo una formazione per nulla intimorita che pressa alto e presidia bene gli spazi.
Anche quando la squadra di Allegri arriva al tiro trova un Bizzarri attento che alla mezz’ora ferma un gran destro di Vidal e subito dopo il velenoso colpo di testa di Chiellini.
Prima dell’intervallo un episodio chiave: Evra e Frey si scontrano ma è il clivense ad avere la peggio e sarà costretto a uscire in barella per un taglio profondo e perdita momentanea di conoscenza.
Maran è obbligato a cambiare posizioni e modulo ma nonostante il Chievo continui nella sua tattica fatta di pressing e ripartenze lascia spesso il fianco scoperto senza che i bianconeri non ne approfittano. E quando la partita si avvia al classico copione di assedio aggressivo, Paul Pogba delizia lo stadium con una magia, elastico al limite dell’area e sinistro imprendibile che si infila nell’angolino. Giocata spacca partita e Chievo obbligato a reagire. Buffon però non viene mai impensierito seriamente e nel momento di maggior sforzo del Chievo è ancora Pogba a dare spettacolo: stop volante in allungo e battuta a rete, Bizzarri respinge ma Lichtsteiner è lesto a mettere nel sacco.
Partita virtualmente chiusa, salvo un palo colpito da Schelotto nel finale.
Il Chievo non ha sfigurato ed è servita un Pogba tirato a lucido per chiudere una partita complicata.
Missione compiuta, Roma a -7 e testa e gambe alla Coppa Italia.