24/09/2014
serie A
Juventus
Juventus
3 - 0
Cesena
Cesena
Juventus Stadium

Juve bella anche contro il Cesena. 3-0 ai romagnoli e la marcia continua

Un’ottima Juventus nel turno infrasettimanale che coincide con la quarta giornata della Serie A sconfigge senza problemi un Cesena sottomesso nel gioco in tutte le zone del campo. Allegri permette a qualche suo uomo di rifiutare in vista dell’impegnativo doppio impegno all’orizzonte, ovvero l’Atalanta nell’anticipo di sabato e l’Atletico Madrid mercoledì prossimo in occasione della seconda uscita in Champions League; spazio, dunque, a Evra sulla fascia sinistra, Pereyra al posto di Pogba che, con Vidal e uno splendido Marchisio, completa il terzetto di centrocampo, mentre davanti a far coppia con Llorente c’è Giovinco anziché Tevez.
Il Cesena è completamente arroccato nella sua metà campo e preferisce lasciare il pallino del gioco alla Juventus, che non ha problemi a sbloccare il risultato su un calcio di rigore assegnato per un mani di Cascione; la trasformazione di Vidal è col brivido, perché Leali, portiere del Cesena di proprietà juventina, indovina l’angolo e quasi para il tiro del cileno, al primo goal stagionale. Il Cesena, dal canto suo, è tutto in un tiro dalla distanza di Marilungo che non impensierisce Buffon.
Nella ripresa la Juventus non cambia il suo atteggiamento e riesce ad arrotondare il risultato: il 2-0 arriva grazie ad un bel destro di Vidal dal limite dell’area, abile a sfruttare un’ottima percussione centrale di Giovinco e a segnare la sua personale doppietta. Va fatta menzione dell’ottima prova della formica atomica, che entra in tutte le azioni pericolose dei suoi e non riesce a trovare il goal solo per la bravura di Leali che, in più occasioni, ha negato la gioia personale al fantasista bianconero. L’occasione per il 3-0 ce l’ha Morata, ma la spreca malamente incespicando da sé sul pallone; poco male, perché di lì a poco è Lichtsteiner a sancire il punto esclamativo: grazie alla sua dirompente ed inesauribile corsa sulla fascia destra il laterale svizzero si trova a tu per tu col portiere, e non si esime dal segnare il terzo goal juventino.
Allegri può essere soddisfatto dei suoi: il bel gioco mostrato dalla squadra, abbinato all’ottimo risultato ottenuto possono far dormire sonni tranquilli al mister bianconero, capace di raggiungere già un record sulla panchina juventina. Mai nessuna squadra, infatti, nella storia della Serie A era riuscita a partire in campionato centrando le prime quattro vittorie consecutive senza subire goal. La Roma non molla, anch’essa vittoriosa su un campo sempre ostico come quello di Parma, e le due regine del campionato viaggiano appaiate a punteggio pieno in questo inizio; la Juventus, però, non dovrà mollare, e sabato contro l’Atalanta la stessa tenacia ed efficacia in zona goal possono portare i bianconeri a centrare un’altra vittoria.