12/04/2017
champions league
Juventus
Juventus
3 - 0
Barcellona
Barcellona
Juventus Stadium

Parata di stelle questa sera allo Juventus Stadium, si prevedono grandi emozioni per la gara d’andata contro il Barcellona per i quarti di finale di Champions League.
Allegri propone un aformazione spregiudicata: Buffon; Dani Alves, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic; Cuadrado, Dybala, Mandzukic; Higuain.
Inizia il match con i bianconeri subito in pressione, Pjanic al 3′ su punizione trova la testa di Higuain che impegna Ter Stegen in una parata in due tempi.
Il Pipita allarga al 7′ per Cuadrado che dopo una fuga sulla destra metta in mezzo per Dybala, il campione argentino si gira e incrocia sul palo lontano con un sinistro dalla precisione chirurgica: Juventus in vantaggio!
Ottimo l’approccio alla gara, attento e senza timore reverenziale. Il Barcellona cerca di reagire ma la linea mediana è attenta a chiudere tutti gli spazi.
I campioni diLous Enrique producono uno sterile giro palla sottolineato dai fischi del pubblico.
Ma dal nulla Messi si inventa un taglio per Iniesta che si ritrova di fronte a Buffon: il portierone rimane in piedi e riesce ad intercettare con la punta delle dita la conclusione dello spagnolo.
Intervento strepitoso che vale quanto un eurogol per il capitano della Juventus!
L’intero Stadium tira un sospiro di sollievo, ma non Mandzukic che qualche secondo dopo si invola sulla sinistra, guarda al centro e incrocia per Dybala, abile a smarcarsi. L Joya non ci pensa due volte e batte di sinistro a fil di palo: Juventus ancora in gola 22′!
Strepitosa altalena di emozioni!
Il Barcellona non sembra trovare la chiave per riaprire la gara, di nuovo giro palla, buon solo per le statistiche sul possesso palla.
Al 28′ primo giallo per l’ex Dani Alves, autore finora di una gara strepitosa. Al 34′ battibecco tra Messi e Mandzukic, l’argentino appare molto nervoso.
Higuain ci prova al 44′ con una conclusione neutralizzata con un intervento indeciso da Ter Stegen.
Si conclude il primo tempo con la Juve in avanti grazie ad una doppietta di Dybala.
I blaugrana propongono come primo cambio Andrè Gomes per Mathieu.
Al 47′ Messi dal limite prova una conclusione che esce non di molto, invenzione della Pulce.
All’argentino risponde Khedira qualche secondo dopo.
Partita estremamente piacevole, ricca di capovolgimenti di fronte. Il Barcellona sembra messo meglio in campo, al 52′ Iniesta tira dal limite e la palla supera di poco la traversa.
Al 53′ risponde Higuain che prova a piazzarla su assit di Cuadrado ma ci arriva Der Stegen.
Grossissima occasione al 54′ per Pipita che si ritrova solo davanti a Der Stegen ma il portiere ipnoticca il bianconero che gli tira addosso.
Al 55′ corner per i bianconeri: palla lunga sul secondo palo, Chiellini resiste alla carica del suo marcatore e incrocia. Der Stegen immobile non può che assistere all’entrata della palla in rete!
Ora la Juventus è in vantaggio di tre reti, Allegri chiede ai suoi ragazzi di rimanere alti, Khedira si propone ma l’arbitro sembra avere un conto aperto col tedesco che in un paio di occasioni viene fermato per gioco falloso quando invece sembrava proprio il bianconero ad aver subito il gioco irregolare.
Al 68′ si vede per la prima volta Suarez autore di un bel tiro deviato: notevole l’assist inventato da Messi che sta tenendo in partita il Barcellona.
Allegri rinvigorisce il centrocampo proponendo Lemina per Cuadrado al 73′.
Un minuto dopo ammonito incomprensibilmente Khedira.
Altro cambio per i bianconeri, dentro Rincon per Dybala all’81’, applauditissimo da tutto la stadio, e Barzagli per Pjanic all’89’.
L’arbitro quantifica il recupero in 5′. Scontro tra Umtiti e Lemina, entrambi ammoniti per scorrettezze reciproche.
Termina così questo match di coppa, la gara è stata preparata in maniera esemplare dal mister che è riuscito a superare i valori tecnici dei singoli giocatori del Barcellone con un’organizzazione di gioco perfetta.
Esemplare l’atteggiamento dei giocatori bianconeri che hanno dimostrato di aver ormai acquisito una mentalità da protagonisti nel panorama europeo.
Gara di ritorno tra otto giorni al Camp Nou, sarà di nuovo una gara tutta da seguire. Fino alla fine!