25/10/2015
serie A
Juventus
Juventus
2 - 0
Atalanta
Atalanta
Juventus Stadium

Lampi di vera Juve. regolata l’Atalanta

Dopo il pari con l’Inter la Juventus torna a vincere in campionato e si prende tre punti preziosi per risalire in classifica. tutto gira intorno a Dybala, chiacchieratissimo nel pregara, che realizza il vantaggio nel primo tempo e fornisce un assist al bacio per Mandzukic nella ripresa.
Allegri sceglie un 4-3-1-2 e ripropone Padoin come esterno destro in difesa con Pereyra trequartista alle spalle di Mandzukic e Dybala. Centrocampo “ideale” con Pogba, Marchisio e Khedira, ed in difesa riposa Barzagli lasciando la regia della linea a Bonucci e Chiellini. Reja risponde con un 4-3-3 e sceglie Bellini in difesa, Grassi in mediana e D’Alessandro come spalla degli esperti Pinilla e Maxi Moralez.
Nemmeno il tempo di sedersi e su calcio piazzato di Dybala, Bonucci spizza la palla di testa in area, ma Sportiello è attento. Al quarto è Mandzukic che ci prova sempre di testa ma l’esito è lo stesso. La Juve non disdegna la conclusione da fuori ma sia Dybala che Pogba non gonfiano la rete. Squadre molto corte con la Juve che gestisce il possesso ma è imprecisa nelle conclusioni, Atalanta fisica ma mai pericolosa.
Al 28′ ci pensa Dybala a rompere l’equilibrio con un sinistro da fuori area potente che piega le mani a Sportiello. Juve in vantaggio e ancora arrembante, l’Atalanta accusa lo schiaffo e non si presenta mai dalle parti di Buffon fino alla chiusura del tempo. A taccuino un cambio per la Juve, Asamoah sostituisce un Pereyra dolorante, probabilmente vittima di uno strappo. Nel secondo tempo il copione non cambia, Juve subito spregiudicata e nel giro di quattro minuti raddoppia: il pressing funziona come un orologio, Asamoah ruba la palla al limite, scarica su Pogba che di tacco smarca Dybala, l’argentino serve una palla tagliata a Mandzukic che da dentro l’area piccola deposita in rete. Partita in discesa e totale controllo, ci riprovano a turno i ragazzi terribili Pogba e Dybala ma non bucano Sportiello. Al 72′ viene espulso Toloi e solo quattro minuti dopo viene concesso un calcio di rigore per atterrramento di Dybala in area. Sul dischetto va Pogba ma Sportiello lo ipnotizza. Finisce così una partita che ha regalato una Juve finalmente quadrata e cinica, quella squadra schiacciasassi vista ed apprezzata negli anni passati. Dopo la mezza stecca in Champions il popolo bianconero può finalmente esultare per una prestazione convincente! Ed ora testa al turno infrasettimanale.