12/02/2017
serie A
Cagliari
Cagliari
0 - 2
Juventus
Juventus
Stadio Sant'Elia
  
   
67
   
MINUTI GIOCATI
  
  
57 89%
  
PASSAGGI FATTI
  
   
2 7
   
DUELLI VINTI - PERSI
  
  
   
0 2
   
FALLI FATTI - SUBITI
  
  
GOAL 0
  
TIRI NELLO SPECCHIO 0/0
  
CROSS 0
  
ASSIST 1
  
CARTELLINI 0

Posticipo domenicale in trasferta a Cagliari per i bianconeri. Allegri tiene a riposo Pjanic e rientra così dal primo minuto Marchisio che affianca Khedira in mezzo al campo.
Il Cagliari durante la stagione ha sempre disputato buone partite al Sant’Elia, di contro la Juventus ha dimostrato di soffrire con il nuovo modulo le formazioni molto chiuse.
Bisogna attendere l’8′ minuto di gioco per segnalare la prima occasione interessante: Cuadrado serve con un ottimo cross Mandzukic ma Capuano chiude con un’attenta diagonale.
Al 12′ ammonito Lichsteiner per fallo su Borriello e al 14′ Chiellini per un intervento ai danni di Barella.
Bruno Alves ci prova con un destro al giro al 15′ ma la palla finisce di poco alta.
Chiellini chiede il cambio per un colpo ricevuto, al 18′ è costretto ad uscire sostituito da Rugani.
Il match fatica a decollare, il Cagliari attende con tutti gli uomini nella propria metà campo, i bianconeri non riescono a trovare gli spazi per sfondare.
Al 27′ ammonito anche Barella per la squadra sarda. I ritmi sono veramente bassi, si segnala inoltre un forte vento fastidioso sul terreno di gioco e un campo non nelle perfette condizioni.
Ci pensa allora Marchisio a trovare il varco per innescare Higuain: con un filtrante al 37′ mette il bomber argentino al cospetto di Rafael. Il Pipita realizza con un preciso colpo da sotto.
Sul finire del primo tempo anche il regista della Juventus finisce sul taccuino dell’arbitro per un’ammonizione.
Il secondo tempo inizia con un Cagliari determinato a riportarsi in parità.
Borriello conquista un corner ma i bianconeri recuperano alla e lanciano un perfetto contropiede: assist di Dybala per un Higuain decentrato sulla destra che di punta prende in controtempo Rafael. Doppietta per il bianconero al 47′!
Il Cagliari appare frastornato e bisogna attendere il 63′ con un’azione dell’ex Isla per annotare un tentativo concreto di ridurre lo svantaggio. Il tiro del cileno finisce alto.
Al 67′ Marchisio esce dopo una buona prestazione impreziosita da un pregevole assist ed entra Pjanic. Il bosniaco viene steso alla prima palla toccata in maniera irruenta da Barella che viene punito con la seconda ammonizione: Cagliari in dieci.
La partita sembra ormai in dirittura d’arrivo quando Pisacane al 72′ lascia portiere una fortissima conclusione dal limite: Buffon allungandosi riesce a deviare fuori una palla che sembrava inarrivabile.
Un minuto dopo Mandzukic ha la palla per chiudere la partita: dopo un rapido capovolgimento di fronte i bianconeri in superiorità numerica entrano in area, il croato viene servito di testa ma la conclusione a portiere battuto finisce di poco a lato.
Al 87′ Dybala ci prova su calcio di punizione ma la palla finisce di poco alta. Ancora più ghiotta la conclusione nei minuti recupero: su una palla rasoterra si avventa di in tuffo di testa ma Rafael emula Buffon prendendo una palla che ormai sembrava destinata ad insaccarsi.
Allo scadere ancora un’ammonizione per Mandzukic e l’ultima sostituzione per i bianconeri: torna in campo Lemina che rileva la Joya.
Termina così Cagliari-Juventus: i bianconeri tornano a casa con i tre punti da un campo difficile. Il Cagliari è stato messo in campo con ordine e ci è voluta tutta la classe e la grinta di Higuian per sbloccare il match.
Allegri ritrova due pedine fondamentali per il centrocampo come Marchisio e Lemina; si segnala anche l’ottima prova di Rugani che garantisce qualità e affidabilità pari a quella dei veterani della difesa bianconera.